Dopo il successo ottenuto dalla I edizione, riparte Bologna School of Food, il contest Facebook che vedrà impegnate, da Gennaio ad Aprile, le classi delle Scuole Superiori di Bologna e Area Metropolitana in una sfida tutta culinaria, tra ricette della tradizione e proposte innovative, antipasti e primi piatti da preparare.

Il progetto Bologna School Of Food è stato ideato e realizzato da Eikon Communication, con il sostegno di Carisbo, Alce Nero, Cerelia, Clai, Minerva Omega Group, Vecchia Malga, Pasta di Canossa e Consorzio del Formaggio Parmigiano Reggiano, il Patrocinio della Regione Emilia-Romagna e del Comune di Bologna e la Partecipazione di Fanep Onlus.

Forte dei numeri dell’edizione 2014/15, con la partecipazione di 17 classi appartenenti a 6 Istituti Scolastici, Bologna School of Food torna quest’anno rivolgendosi a tutte le 45 Scuole Superiori dell’intera Città Metropolitana.

Le finalità che animano il Progetto sono quelle che lo hanno caratterizzato fin dalla sua nascita, unite a nuove tematiche, “portate in tavola” per sensibilizzare ulteriormente gli studenti tra i 14 e i 18 anni su food e social media.

L’iniziativa fonda le proprie radici nella consapevolezza che il binomio tra giovani e social network è un connubio che non può essere proibito ma va educato ed indirizzato.

Bologna School Of Food nasce, quindi, con l’obiettivo di creare uno strumento che favorisca e promuova prima la condivisione “reale” ed il lavoro di gruppo per poi trasferirne i risultati su Facebook, luogo di aggregazione virtuale.

E nella Bologna – City of Food, non poteva che essere il cibo il tema unificante per avvicinare i giovani ad un’attività manuale e a valori fondamentali per la loro crescita come il confronto, il rispetto, la creatività, la cultura e la convivialità.

Cosa sia un cibo vero e naturale, quanto sia importante la filiera agro-alimentare e conoscere la provenienza dei prodotti che si consumano, l’acqua come fonte di salute, la lotta agli sprechi alimentari: sono solo alcuni dei temi sui quali Bologna School of Food inviterà i ragazzi a riflettere durante i mesi del contest.

Come nella I edizione, per incentivare il lavoro di gruppo, sarà possibile prendere parte alla sfida solo assieme ai propri compagni di classe.

Alle squadre partecipanti verrà chiesto di cucinare un piatto e di pubblicare la foto della portata, accompagnata dall’hashtag #bolognaschooloffood, sulla propria pagina Facebook.

Le immagini verranno quindi inserite sulla pagina Facebook Bologna School Of Food dando il via alle votazioni: verrà decretata Food Master Class Bolognese chi avrà ottenuto più “mi piace” alle foto al termine di due fasi, caratterizzate dalla preparazione di diversi piatti di cui verranno date le specifiche nel Regolamento.

Il premio? Una vera “cena di classe” presso Alce Nero-Berberè preceduta da un pomeriggio che i ragazzi trascorreranno con lo chef Simone Salvini rivisitando i loro piatti e approfondendo ancora di più la complessità e la ricchezza che risiedono nella preparazione di una portata.

Ma non solo. Per favorire l’emergere dei diversi talenti, competenze e predisposizioni dei ragazzi, all’interno di Bologna School of Food sarà presente anche un focus sulla scrittura creativa incentrato sul tema dell’alimentazione sana ed equilibrata con un premio dedicato. Altri riconoscimenti verranno poi dati al piatto più tradizionale/legato al territorio e alla portata che meglio avrà interpretato il concetto di Spreco: dislike!, focus incentrato sul riutilizzo creativo nelle ricette di quelli che generalmente vengono considerati “scarti alimentari”.

Infine, alla classe ultima in classifica al termine della prima fase del contest sarà dedicato un workshop di fotografia con lo smartphone tenuto dalla sottoscritta (Silvia Canini!) per trasmettere l’idea che nulla è perduto e, impegnandosi, si può sempre migliorare.

 

 

 

Le iscrizioni sono già aperte sul sito www.bolognaschooloffood.it in cui è possibile visionare anche il regolamento completo e tutti i premi.

 

Buona fortuna a tutti i partecipanti!

0